Quale saldatore a stagno scegliere. Ecco i migliori

Quale saldatore a stagno scegliere. Ecco i migliori 5

Il tempo di acquistare un saldatore a stagno professionale e di imparare la saldatura a stagno, prima o poi, arriva per tutti… E ovviamente io non faccio eccezioni 😛

Come sempre prima di comprare qualcosa dedico diverse ore o giorni, a seconda dei casi, a cercare la miglior soluzione o il miglior compromesso tra prezzo e prestazioni. Il saldatore a stagno professionale non fa eccezioni, ecco perché ho voluto scrivere questo articolo. Nel lasso di tempo che ho impiegato a scegliere quale saldatore a stagno comprare mi sono fatto una cultura 😀

Visto che si trovano decine e decine di saldatori su Amazon ho deciso di inserire nell’articoli solo i migliori saldatori a stagno in base a macro categorie.

Cos’è la saldatura a stagno

La saldatura a stagno è una operazione è tipica dell’elettronica (in particolare dei circuiti) e ha due funzioni essenziali: mantenere insieme due componenti e permettere il passaggio della corrente/tensione.

La saldatura si effettua tramite un saldatore a stagno sul quale, ad una estremità, è collegata una bacchetta sottile che, grazie ad una resistenza, si andrà a scaldare fino ad una temperatura prestabilita (scelta da noi). Una volta raggiunta la temperatura l’estremità del saldatore sarà in grado di sciogliere il filo di stagno che andrà a saldare, e quindi ad unire, i componenti interessati. Sempre grazie al saldatore si possono anche dissaldare due componenti, andando quindi a separarli.

Molte persone usano i saldatori per creare disegni su tavole di legno.

Precauzione importante: Il saldatore raggiungere delle temperature elevate, quindi prestate molta attenzione alle ustioni e non lasciare questo strumento appoggiato su superfici inadatte, come il tavolo di lavoro.

Cosa serve per la saldatura a stagno

Ovviamente il saldatore a stagno non basta e un’altra componente fondamentale per saldare è il filo di stagno. Per semplificarvi alcune operazioni possono tornarvi utili altri accessori come:

Come detto in precedenza inserirò solo i saldatori per categoria. Vediamo la prima, “Il miglior saldatore a stagno professionale

Il miglior saldatore a stagno professionale

Quale saldatore a stagno scegliere - YIHUA 8786

Categoria saldatore a stagno professionale. In questa categoria inserirò i saldatori migliori e quelli che possono essere usati anche per lavori professionali o per essere usati in modo continuativo.

Inizio questa sezione con lo Yihua 8786d. Si tratta di un saldatore 2 in 1, infatti è dotato anche di un saldatore ad aria molto utile per la riparazione di schede con circuiti stampati e chip.

Il saldatore principale ha una potenza di 50W con un temperatura regolabile da 200 °C a 480 °C con stabilità di +/-2 °C, mentre il saldatore ad aria ha una potenza di 700W con un range di temperatura che va dai 100° ai 480°, con un flusso d’aria di 120L/min.

Ha un display, di colore rosso, per ogni saldatore e la temperatura può essere impostata separatamente, inoltre i saldatori sono indipendenti nella posizione di montaggio. Entrambi hanno il manico con gomma anti scivolo e anti scottature.

Non manca la funzione di “Sleep” che andrà, dopo 10 minuti di inutilizzo, ad abbassare la temperatura a 200° per evitare ossidazioni nelle punte.

Presente anche il fusibile di protezione che è situato nella parte posteriore.

In confezione, oltre al manuale in italiano, saranno presenti 5 punte di varie dimensioni (900m-t-1c, 900m-t-2c, 900m-t-3c, 900m-t-2.4d e 900m-t-3.2d) e 3 ugelli con montaggio a vite (con diametro interno di 5 mm, 8 mm e 10 mm) per il saldatore ad aria calda.

Compra su Amazon.it

Pro:
  1. Stazione 2 in 1
  2. Ottima precisione delle temperature
  3. Regolazioni indipendenti
  4. Funzione Sleep
  5. Fusibile di protezione
Contro:
  1. Testine comprese non all’altezza
  2. Punte non standard

Il miglior saldatore a stagno professionale

Quale saldatore a stagno scegliere - HAKKO FX-888D

Altro saldatore ottimo è l’Hakko fx-888d saldatore all’apparenza giocattolo ma che è considerato uno dei migliori. Di provenienza Giapponese ha un range di temperatura da 50 a 480 °C con stabilità di +/-1 °C.

Anche qui il display è di colore rosso e la temperatura si comanda tramite un pulsante posto subito sotto. Ha la possibilità di mostrare la temperatura in °C e in °F e ha la protezione da Scarica elettrostatica.

Internamente troviamo un elemento in ceramica che garantisce un riscaldamento rapidissimo e molto preciso, dovuto anche alla calibrazione digitale.

Lato “Software” è presente l’allarme temperatura bassa e 5 livelli di temperatura pre-impostati, che, all’occorrenza possono essere modificati.

In confezione sono presenti 2 testine T18 resistenti all’ossidazione che garantiscono una saldatura a stagno impeccabile. Manico in gomma anti scivolo e anti scottature.

Compra su Amazon.it

Pro:
  1. Veloce
  2. Ottima precisione delle temperature
  3. Testine standard
  4. Allarme bassa temperatura
  5. Preset personalizzabili
Contro:
  1. No Saldatore ad Aria
  2. Regolazione difficile
  3. Solo 2 pulsanti

Il migliore per la saldatura a stagno professionale

Quale saldatore a stagno scegliere - Weller WE1010

L’ultimo per la categoria saldatore a stagno professionale è il Weller WN1010. Ha un range di temperatura da 100 a 450 °C con stabilità di +/-6 °C.

Il corpo è diviso un due unità per una disposizione più semplice. Ha una potenza di 70W che gli garantiscono una velocità molto alta nel riscaldare il puntale.

La temperatura si può controllare facilmente tramite i due pulsanti frontali e il grosso schermo LCD. Sfortunatamente lo schermo non è retroilluminato. L’ultimo pulsante presente nella parte frontale è quello di menù/standby . Ovviamente è presente un pulsante On/Off.

Il saldatore a stagno ha la caratteristica che può essere bloccato da password (3 numeri) in modo che non si accenda per sbaglio.

Manico in gomma anti scivolo e anti scottature ed è dotato di protezione da Scarica elettrostatica.

Compra su Amazon.it

Pro:
  1. Veloce e potente
  2. Buona precisione delle temperature
  3. Testine standard
  4. Compatto
  5. Blocca con password
Contro:
  1. No Saldatore ad Aria
  2. Mancanza del fusibile
  3. Poco stabile nelle temperature
  4. No LCD illuminato

I migliori saldatori a stagno per amatori

Questa sezione è dedicata agli amatori della saldatura a stagno. Categoria è dedicata a quelli che cercano un saldatore valido e che non sia costoso come uno professionale, ma dall’ottimo rapporto qualità/prezzo.

Per questa fascia ho scelto due stazioni di saldatura. Il Weller WHS 40 e l’Holife.

Quale saldatore a stagno scegliere - Weller WHS40

Il primo è il Weller WHS 40, un saldatore analogico dove la temperatura viene regolata tramite una rotella posta sulla parte destra della stazione saldante. Marca ottima nel settore, la Weller ha creato questa stazione di saldatura senza tanti fronzoli ma con in mente solo la saldatura.

Il range di temperatura varia dai 200 a 450 °C con stabilità di +/-6 °C con una potenza di 40W. La velocità nel riscaldare la punta non è delle migliori ma è decisamente accettabile, infatti impiega circa 40 secondi per arrivare a temperatura di esercizio. A corredo viene fornita solo 1 punta da 3mm.

Ovviamente ha il manico in gomma anti scivolo e anti scottature oltre che alla protezione da Scarica elettrostatica.

Compra su Amazon.it

Pro:
  1. Veloce e potente
  2. Buona precisione delle temperature
  3. Testine standard
Contro:
  1. No Saldatore ad Aria
  2. Mancanza del fusibile
  3. Regolazione analogica
  4. No punte di ricambio in dotazione

Il miglior saldatore a stagno per amatori

Il secondo saldatore a stagno per gli amatori è l’Holife.

Quale saldatore a stagno scegliere - Holife

Sicuramente una marca non professionale come la Weller ma che per questa categoria può andare più che bene. Si tratta di una stazione saldante dall’ottimo rapporto qualità/prezzo.

Tra quelle proposte in questo articolo questa è la prima da avere due piccoli braccetti di supporto alla saldatura. Sono molto utili per la saldatura di piccoli componenti, infatti ci aiuteranno a tenere fermo il nostro componente per una saldatura più precisa. Dispone anche di un supporto per la bobina di stagno, componente molto sottovalutato ma che trovo davvero utilissimo… Personalmente l’ho stampato in 3D.

Il saldatore principale ha una potenza di 60W con un temperatura regolabile da 90 °C a 480 °C con stabilità di +/-8%.

Ha il display a LED di colore blu e 4 cifre e la temperatura può essere impostata tramite due pulsanti. E’ dotato di switch ON/OFF e della funzione di “Sleep” che andrà, dopo 10 minuti di inutilizzo, ad abbassare la temperatura a 90° per evitare ossidazioni nelle punte. La funzione Sleep è personalizzabile da 0 a 99 minuti.

In confezione oltre al manuale in italiano saranno presenti 5 punte di varie dimensioni e un detergente per punte.

Manico in gomma anti scivolo e anti scottature ed è dotato di protezione da Scarica elettrostatica.

Compra su Amazon.it

Pro:
  1. Veloce e potente
  2. Nucleo in ceramica
  3. Dotato di braccetti
  4. Modalità Sleep Personalizzabile
Contro:
  1. No Saldatore ad Aria
  2. Mancanza del fusibile
  3. Bassa stabilità nelle temperature

Il migliore per la saldatura a stagno – Neofiti

Quale saldatore a stagno scegliere - GHB

Siamo arrivati alla fascia dei neofiti, ovvero quelle persone che si avvicinano alla saldatura a stagno per la prima volta o comunque che comprano un saldatore per la prima volta.

In questa fascia su Amazon sono presenti una quantità quasi infinita di saldatori ma proverò a filtrarli e ne inserirò solamente uno, visto che in questa fascia sono pressoché tutti equivalenti.

Qui ho deciso di inserire il saldatore a stagno che ho comprato per me, ovvero il GHB. Si tratta di una valigettatutto in uno” dove all’interno troveremo, oltre al saldatore, una pompetta dissaldante, 5 puntali, un supporto, un rotolino di stagno e 40 tubetti termorestringenti. Le 5 punte intercambiabili sono da: 0,2mm, 2mm, 3mm, 4mm e 5mm.

La regolazione della temperatura avviene tramite una rotella posta sul manico del saldatore a stagno e può essere regolata da 200° a 450°C con una potenza di 60W.

Per le mie necessità l’ho trovato valido e anche veloce nel riscaldare la punta. Sinceramente non so quanto possa essere preciso nel mantenere la temperatura, ma sono convinto che per chi inizia sia un prodotto valido.

Non manca il manico in gomma anti scivolo e anti scottature.

Compra su Amazon.it

Pro:
  1. Veloce
  2. Ottimo per chi inizia
  3. Valigetta e accessori
Contro:
  1. No Saldatore ad Aria
  2. Mancanza del fusibile
  3. Bassa stabilità nelle temperature

Conclusioni

Ho deciso di scrivere questo articolo vista l’immane quantità di saldatori a stagno presenti online. Sicuramente non è la lista più completa in assoluto ma, dall’esperienza che mi sono fatto, credo sia una lista che può soddisfare moltissime persone ed esigenze.

In base alle vostre esigente scegliete una macro categoria e prendete un saldato di quelli elencati, sicuramente le vostre aspettative non rimarranno deluse.

Un altro consiglio che mi sento di dare è quello di comprare, anche successivamente, degli accessori ulteriori come ho suggerito in apertura.

Spero di esservi stato di aiuto.

A presto

AskBruzz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *