I migliori HDD per NAS. La mia classifica

I migliori HDD per NAS

Dopo aver scritto un articolo su quali sono i migliori NAS del 2018 qualcuno mi ha suggerito di scrivere in articolo su quali siano i migliori HDD per NAS. In effetti aveva molto senso e infatti eccolo qua.

Nel periodo che ho passato alla ricerca del NAS adatto a me ne ho approfittato anche per capire anche quali fossero i migliori HDD per NAS.
Ovviamente in un NAS potremmo mettere qualsiasi Hard Disk, anche uno da 2.5”, ma i migliori HDD per NAS sono quelli studiati appositamente per questo lavoro.
Un NAS è pensato per restare acceso 24/7 e per funzionare con più HDD in contemporanea (RAID). Per questo i migliori HDD per NAS sono progettati per una maggiore resistenza alle vibrazioni e per restare accesi 24 ore al giorno 7 giorni su 7.

I migliori HDD per NAS – Consiglio

Prima di passare a quali sono i migliori HDD per NAS ci tengo a condividere un consiglio che, leggendo qua e la, ho trovato spesso e cioè quello di comprare possibilmente HDD di lotti diversi o di marche diverse. Ad esempio se volessimo 4 HDD per il nostro NAS si potrebbero prendere 2 HGST e 2 Seagate, questo per evitare di prendere hard disk da lotti difettosi.

I migliori HDD per NAS – La Classifica

Fatta questa piccola premessa andiamo a vedere quali sono, secondo me, i migliori HDD per NAS.

Farò una sorta di classifica partendo dal “migliore” per arrivare al “peggiore” considerando che sono tutti assolutamente validi.

Il primo tra i migliori HDD per NAS è indubbiamente il WD Gold (LINK al sito WD).
Dotato delle tecnologie migliori è pensato per un uso Datacenter, il che lo rende ideale per carichi di lavoro elevati e per restare acceso 24/7.

E’ grazie alla tecnologia HelioSeal, ai suoi 550Tb annui di Workload*, ad un MTBF fino a 2,5 milioni di ore e ai suoi 5 anni di garanzia che si merita il primo posto tra i migliori HDD per NAS.

Disponibile nei tagli da 1Tb, 2Tb, 4Tb, 6Tb, 8Tb, 10Tb e 12Tb con una cache di 128 o 256 Mb a seconda del modello. Il regime di rotazione è di 7200rpm.
Link al sito Amazon

* Viene definito come tasso di workload la quantità di dati dell’utente trasferiti a o da un hard disk.

 


Il secondo tra i migliori HDD per NAS è, secondo me, il Seagate IronWolf Pro (Link al sito Seagate).

In questo caso troviamo un MTFB di 1,2 milioni di ore, un Workload* pari a 300Tb annui e 5 anni di garanzia.

Rispetto al Wd Gold questo IronWolf Pro è dotato della tecnologia Health Manager (LINK) una versione potenziata della tecnologia S.M.A.R.T. (Comunque presente) che vi aiuterà a tenere controllata la salute del vostro HDD.
Oltre a questo, Seagate, con l’acquisto di una IronWolf, sia Pro che base, vi regala due anni del loro servizio Rescue che vi darà la possibilità al loro team di tecnici per il recupero dei dati.

Questi sembrerebbero gli HDD definitivi guardando le loro caratteristiche ma leggendo il Blog di backblaze si vede una percentuale di guasti in alcuni frangenti piuttosto elevata. Per questo motivo e per le caratteristiche inferiori rispetto ai Wd Gold li ho piazzati al secondo posto tra i migliori HDD per NAS

Disponibile nei tagli da 2Tb, 4Tb, 6Tb, 8Tb, 10Tb e 12Tb con una cache di 128 o 256 Mb a seconda del modello. Il regime di rotazione è di 7200rpm per i modelli dai 6Tb in su, per i modelli inferiori il regime di rotazione è di 5900rpm.
Link ad Amazon | Link ad Amazon


Il terzo tra i migliori HDD per NAS non può che essere l’HGST.

Ex Hitachi Global Storage Technologies, ora di proprietà della WD, sono HDD davvero ottimi e utilizzati anche in ambito server/cloud, caratterizzati da un regime di rotazione di 7200rpm, da 256Mb di cache, da 1 Milione di ore di MTBF e da 3 anni di garanzia.

Sempre dal Blog di backblaze questi HGST risultano essere davvero dei campioni di affidabilità. Li metto al terzo posto tra i migliori HDD per NAS per via delle loro caratteristiche inferiori rispetto ai Wd Gold e ai Seagate, ma soprattutto per la garanzia più breve.
Disponibile nei tagli da 4Tb, 6Tb, 8Tb e 10Tb.
Link ad Amazon | Link ad Amazon


 

Al quarto posto per I migliori HDD per NAS ho scelto i Wd Red e i Wd Purple.


Hanno caratteristiche pressoché identiche, ovvero 1 Milione di ore di MTBF, un Workload* di 180Tb annui, 3 anni di garanzia, una cache tra i 64 e i 256Mb a seconda della capacità e un regime di rotazione di 5400rpm. I Wd Red sono studiati appositamente per essere usati in un NAS mentre i Wd purple sono studiati per essere usati in sistemi di videosorveglianza ma vanno benissimo anche per essere utilizzati nei NAS. Entrambi sono studiati per un uso continuato 24/7.

Fra quelli elencati i Wd Red e i Wd Purple sono quelli con il consumo minore, ma anche quelli più lenti. Questo può influire se intendete metterli in un NAS ad un solo BAY, se invece li usate in RAID, non avrete problemi di velocità. Una Gigabit la saturate senza problemi.
Link ad Amazon Wd RedLink ad Amazon Wd Purple 
Link ad Amazon Wd RedLink ad Amazon Wd Purple 


I migliori HDD per NAS – Conclusioni

Questa classifica è frutto di diversi giorni di ricerche durante i quali cercando quale fosse il NAS più indicato per me ho fatto “incetta” di informazioni e pareri riguardo quali fossero i migliori HDD per NAS. Quello che avete appena letto è quanto ho capito e messo poi in una classifica personale.
Ho letto molto anche il Blog di backblaze dove fanno un resoconto esaustivo sui loro HDD e relativi guasti.
Da tutto questo è nato questo piccolo articolo. Spero che vi potrà servire come lo è stato per me.

 

5 pensieri riguardo “I migliori HDD per NAS. La mia classifica

  • 19 marzo 2018 in 12:37
    Permalink

    Sono un profano. Ho sentito per caso parlare di NAS ed ho capito che potrebbe risolvere il mio problema. .Ti ringrazio delle spiegazioni e dei consigli. Comincio a capirne qualcosa e credo che un NAS posso risolvere il mio problema di archiviazione. Sono un fotografo “seriale”. Scatto troppo foto e non ho il coraggio di eliminarle. Anche quelle brutte (tante) per me fanno parte di una storia. Ho tre disk interni da 2 tera cadauno, più 2 esterni di pari dimensione già pieni, più uno con poco spazio ancora a disposizione, oltre ad un Lacie da 1 tera (colmo, ovviamente) collegato in rete (artigianale) domestica.
    Userei il NAS solo per le fotografie (ovviamente comprendendo il loro backup sicuro; ora duplico tutto), quindi non mi servono tante applicazioni, importante invece che possa “crescere” nel tempo. Ho letto le tue classifiche, ma le chiedo gentilmente ugualmente un consiglio, tenuto conto dell’utilizzo specifico che ne farò. Come fascia di prezzo mi colloco sui tre/quattrocento euro, ma se necessario potrei anche alzare il tiro. Ringrazio e saluto

    Risposta
    • 19 marzo 2018 in 18:38
      Permalink

      Ciao,
      Ci tengo a informarti che Amazon tramite il suo pacchetto prime, offre amazon prime foto che da la possibilità di fare il backup illimitato di tutte le tue foto, compresi alcuni formati di RAW per soli 20€ all’anno. Questa potrebbe essere una validissima alternativa al NAS.
      Non ho ancora avuto modo di provarlo però.

      Si il nas è una valida alternativa a diversi hdd “sparsi” tra computer ed hdd esterni, ma ho idea che l’investimento iniziale sarà alto, soprattutto per via degli hdd nuovi considerando che hai una necessità iniziale di quasi 11 TB.

      Un fattore molto importante da considerare è che i tuoi HDD non potrai usarli perché quando li inserisci in un NAS nuovo il sistema operativo provvederà a formattarli e perché sono piccoli per le tue necessità attuali e soprattutto future.

      Oramai moltissimi NAS offrono un sistema operativo avanzato dotato di moltissime funzionalità che a quanto pare non userai, ma è sempre meglio averle e non usarle che non averle proprio 😀 (per come la vedo io).

      Detto questo i NAS che offrono una possibilità di espansione (modulo esterno) futura hanno prezzi più alti rispetto ai modelli inferiori, infatti questa caratteristica di espandibilità è prerogativa dei NAS di fascia più alta.

      Dopo questo preambolo ti dico cosa ho trovato che si potrebbe adattare alle tue richieste (anche se il budget per alcuni è troppo basso).

      Synology:

      I modelli che supportano un modulo esterno per l’espansione della capacità sono i seguenti:
      DS718+ (2 bay)
      DS918+ (4 bay)
      DS1517+ (5 bay)
      DS1517 (5 bay)

      Questi possono essere accoppiati con il Modulo di espansione:

      DX517 (5 bay)

      Tutti ahimè fuori budget.

      Qnap:

      TS-231P2 (2 bay)
      TS-431P2 (4 bay)
      TS-451A (4 bay)
      TS-251A (2 bay)
      E altri ma saliamo parecchio di prezzo.

      Questi possono essere accoppiati con i Moduli di espansione:

      UX-800P (8 bay)
      UX-500P (5 bay)

      Questi sono i modelli che ho trovato che garantiscono una possibilità di espansione futura.

      Qui i modelli che possono andare bene per te e per il budget prefissato sono il TS-231P2, il TS-251A e il TS-421P2.

      Se invece del modulo esterno di espansione non hai interesse allora potresti andare su uno dei seguenti NAS:

      Synology:
      DS418
      DS418j
      DS416slim
      Tutti 4 bay

      Qnap
      TS-431P
      TS-431
      Tutti 4 bay

      Zyxel
      NAS542 (4 bay)
      Sicuramente il meno costoso tra i NAS ma anche quello che offre meno come software. Potrebbe comunque fare al caso tuo. Attenzione perché non salva in automatico su amazon, cosa che gli altri fanno e ha una qualità generale inferiore. Non ho mai provato uno Zyxel ma su amazon ne parlano bene. ATTENZIONE perché è compatibile solo con HDD fino a 6Tb l’uno.

      Terramaster f4-220
      Putroppo i TerraMaster non li conosco come NAS, ma per un uso di semplice storage potrebbero fare al caso tuo. Supporta il backup solo su dropbox.

      Ultima soluzione potrebbe essere il TerraMaster d5-300. Non è un NAS ma un semplice contenitore per hdd ma con la possibilità di eseguire un RAID 1/0 sui primi due HDD, diventando un 3+2.

      Questi sono i NAS che ho trovato.

      Se avessi io una necessità del genere sceglierei tra le due seguenti opzioni.
      La prima.
      Prenderei un NAS a 4 bay (che mi garantisce gia lui un minimo di espandibilità) ci metterei dentro 2 HDD da 10tb in raid 1 (in modo che se un hdd si rompe ho cmq tutti i dati integri e accessibili) e avrei a disposizione 10tb di spazio di archiviazione con in futuro la possibilità di aggiungere il 3° e 4° hdd per andare a un totale di 20tb o 30tb. Questo però andando a modificare il raid cambiandolo da 1 a raid 5. Cosa del tutto automatica, bastano pochi click. Tutto questo con l’automatismo del backup su Amazon (con amazon prime)

      La seconda.
      Se invece, come dici il backup lo fai già esternamente su altri dispositivi, prenderei sempre un NAS a 4 bay con dentro uno o due hdd da 10/12 tb l’uno senza nessun tipo di raid e all’occorrenza ci aggiungerei altri hdd 🙂 con l’automatismo del backup su amazon.

      Tutti i NAS che ho elencato offrono la possibilità di salvare in automatico i tuoi dati sui cloud più comuni, come google, amazon, dropbox, ecc.. (lo zyxel supporta solo google e dropbox).

      A tal proposito ti suggerisco di provare amazon prime foto che con l’acquisto del solo pacchetto prime hai a disposizione il backup online per tutte le tue foto gratuitamente e senza limiti… A detta di amazon 😀

      Spero di non averti confuso ancora di più le idee, e spero invece di esserti stato un minimo d’aiuto :).

      A presto

      AskBruzz 🙂

      Ps. Ho scritto da cell perdonami per qualche errore 😀

      Risposta
  • 21 marzo 2018 in 21:33
    Permalink

    Grazie. Chiederò ad Amazon quali formati RAW accetta. Se non chiedo troppo, ho sentito parlare di un tipo di NAS che, dovrebbe dare certezza di conservazione integrale delle foto, senza duplicazioni, quindi senza occupazione del doppio dello spazio, anche in caso di rottura di un disco. Mi spiego forse meglio: con 5 dischi, caricando una sola copia delle foto, avrei la certezza che, anche in caso di malaugurata rottura di uno, tutte le foto sarebbero comunque salvate e potrei sostituire il disco rotto, ripristinando il sistema di archiviazione “protetto”. Scusa i termini e la prolissità, sono un profano. Ti saluto e ringrazio

    Risposta
    • 3 aprile 2018 in 21:39
      Permalink

      Ciao,
      scusami se rispondo solo ora ma non so per quale motivo il tuo commento era finito nel cestino.

      Quello che intendi te è una caratteristiche comune a pressoché qualsiasi NAS. Viene chiamata RAID

      Nel casi di un NAS a 4 bay puoi inserire 4 HDD uguali e creare un RAID 5. In questo modo avrai a disposizione lo spazio libero equivalente a 3 HDD mentre nel 4 HDD risiederà una sorta di copia tampone atta ad aumentare la resilienza dei dati, infatti se un HDD si rompe le foto saranno tutte al sicuro e accessibili. Ovviamente l’HDD rotto andrà sostituito al più presto.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *